La poesia salverà il mondo?

Intervista breve a Fernanda Pivano all'indomani dell'undici settembre 2001

Gli Stati Uniti dividono: c'è chi li ama, chi li odia.
Che cosa pensa lei dell'America, oggi?

Che è un paese meraviglioso, cascato in questo tranello, e il suo spirito di corpo però lo salverà.

Nasceranno nuovi scrittori?
Speriamo, perché la situazione è dura, non ci sono nuovi scrittori perché
Non li lasciano venir fuori, fanno molta fatica. Ormai le nuove proposte
sono basate su una grande ironia, ma la censura non favorisce questo sentimento.

Perché?
Quando mai la gente lascia che la realtà venga interpretata attraverso l'ironia?

Ma non c'è democrazia in America?
Certo che c'è. O meglio: c'è stata, non so se ce ne sia in questo momento altrettanta.
Comunque l'ironia fa una critica dalla quale non è facile difendersi.

Lei andrà in America per vedere com'è cambiata?
Non lo so, perché ci sono stata quindici giorni prima dell'attentato. Non immaginavo
Che potesse succedere una tragedia di questo genere.

Come reagire?
Con la comunicazione, svegliando i poeti perché facciano quello che devono fare i poeti in questi casi.

E che cosa devono fare?
Sono i poeti che disfano le guerre.

Ma il mondo è in mano ai poeti?
Più di quello che la gente crede. Ma in questo momento i poeti sono muti.

google ama la poesia?

immagine dei paesi che hanno visitato net poetry

tutti i paesi in verde sono paesi dai quali ci sono state visite al sito net poetry, ringrazio tutti quanti hanno visitato le mie pagine sperando che contnuino a farlo

Cos'è la poesia

Umberto Saba in un breve saggio del 1911, pubblicato postumo: "Cosa resta ancora da fare ai poeti", che la poesia onesta è quella che non dice una sola parola "che non corrisponda perfettamente alla sua visione". Al contrario è poesia disonesta quella che finge passioni che non ha, e commette peccati contro lo spirito "al solo e ben meschino scopo di ottenere una strofa più appariscente, un verso più clamoroso".
Più d'ogni altro esponente della "Beat Generation" ancora in vita Ferlinghetti è rimasto convinto che l'arte è forza dell'idea, religione dell'anima e che l'artista è anche il suo banditore, che è suo impegno divulgarla, sensibilizzare, educare ad essa.
Pertanto sia in "Cos'è la poesia" ( "Poesia è / notizie dalla frontiera / della coscienza", "Poesia è religione / religione poesia", "Sia poesia emozione / ritrovata in emozione", "Ogni poesia una temporanea follia / e l'irreale è il più realistico", "Dice l'indicibile / Pronuncia l'impronunciabile / sospiro del cuore", "Una poesia sta in una pagina sola / ma può riempire un mondo e / sta bene nella tasca di un cuore", "Poesia è lotta continua / contro silenzio, esilio inganno", "Lasciate che un nuovo lirismo / salvi il mondo da sé ") sia in "Sfide per giovani poeti" ( "Siate poeti, non affaristi ", "Mettete in discussione tutto e tutti ","Date alla vostra poesia ali / per volare sulle cime degli alberi", "Evitate la provincia, mirate all'universo", "Cercate di raggiungere l'irraggiungibile", "Resistete molto, obbedite meno") sia nella narrativa sia nel teatro è sempre possibile rintracciare la fiducia dell'autore nell'altezza e validità dell'arte, la sua convinzione di farne un messaggio da diffondere al fine di risolvere i problemi del mondo.

O forse le poesie sono solo lettere smarrite...

Leonardo e la poesia

prima la pittura e poi il resto delle arti nelle parole del genio toscano

Del poeta e del pittore

La pittura serve a piú degno senso che la poesia, e fa con piú verità le figure delle opere di natura che il poeta, e sono molto piú degne le opere di natura che le parole, che sono opere dell'uomo; perché tal proporzione è dalle opere degli uomini a quelle della natura, qual è quella ch'è dall'uomo a Dio. Adunque è piú degna cosa l'imitar le cose di natura, che sono le vere similitudini in fatto, che con parole imitare i fatti e le parole degli uomini. E se tu, poeta, vuoi descrivere le opere di natura colla tua semplice professione, fingendo siti diversi e forme di varie cose, tu sei superato dal pittore con infinita proporzione di potenza; ma se vuoi vestirti delle altrui scienze separate da essa poesia, elle non sono tue, come astrologia, rettorica, teologia, filosofia, geometria, aritmetica e simili; tu non sei allora poeta, tu ti trasmuti, e non sei piú quello di che qui si parla. Or non vedi tu, che se tu vuoi andare alla natura, tu vi vai con mezzi di scienze fatte d'altrui sopra gli effetti di natura, ed il pittore per sé senza aiuto di scienza o d'altri mezzi va immediate alla imitazione di esse opere di natura. Con questa si muovono gli amanti verso i simulacri della cosa amata a parlare colle imitate pitture; con questa si muovono i popoli con infervorati voti a ricercare i simulacri degl'iddii; e non a vedere le opere de' poeti, che con parole figurino i medesimi iddii. Con questa s'ingannano gli animali: già vid'io una pittura che ingannava il cane mediante la similitudine del suo padrone, alla quale esso cane facea grandissima festa; e similmente ho visto i cani abbaiare, e voler mordere i cani dipinti; ed una scimmia fare infinite pazzie contro ad un'altra scimmia dipinta. Ho veduto la rondine volare e posarsi sopra i ferri dipinti che sportano fuori delle finestre degli edifizi; tutte operazioni del pittore maravigliosissime.

Pittore che disputa col poeta

Qual poeta con parole ti metterà innanzi, o amante, la vera effigie della tua idea con tanta verità, qual farà il pittore? Quale sarà quello che ti dimostrerà i siti de' fiumi, boschi, valli e campagne, dove si rappresentino i tuoi passati piaceri, con piú verità del pittore? E se tu dici che la pittura è una poesia muta per sé, se non vi è chi dica o parli per lei quello che la rappresenta, or non t'avvedi tu che il tuo libro si trova in peggior grado? perché ancora ch'egli abbia un uomo che parli per lui, non si vede niente della cosa di che si parla, come si vedrà di quello che parla per le pitture; le quali pitture, se saranno ben proporzionati gli atti con i loro accidenti mentali, saranno intese, come se parlassero.

(Trattato della Pittura di Leonardo da Vinci condotto sul Cod. Vaticano Urbinate 1270)

Agenda letteraria

25 dicembre 1925

nasce a Cajamarca Carlos César Salvador Aranha Castañeda

"Per me esiste solo il cammino lungo sentieri che hanno un cuore, lungo qualsiasi sentiero che abbia un cuore. Lungo questo io cammino e la sola prova che conta è attraversarlo in tutta la sua lunghezza. E qui io cammino guardando, guardando senza fiato."

(a scuola dallo stregone, una via Yaqui alla Conoscenza)