Canzoniere per un amore mai nato

Avvolto in un accappatoio tailandese
il mio corpo nudo, stanco,
si lascia andare ad una felicità
che durerà solo pochi momenti,
ancora non so
che sto per morire di nuovo.
Guardo il tuo corpo morbido
i tuoi seni da divorare,
la tua bocca da baciare
ascolto la tua voce
che canta:

"...La costruzione di un amore
Spezza le vene delle mani
Mescola il sangue col sudore...
..."

vieni qua, lasciati abbracciare
mentre maliziosa ti lasci guardare

"...Non ripaga del dolore
È come un altare di sabbia
In riva al mare..."

Stringimi forte voglio
Restare cosi per sempre...
Che il sapore della tua pelle
Il tuo odore non mi abbandoni

"...La costruzione del mio amore
Mi piace guardarla salire
Come un grattacielo di cento piani
O come un girasole..."

Ma ora la tua voce è cambiata
Non canta più ..

"..Ed io ci metto l'esperienza
Come su un albero di Natale
Come un regalo ad una sposa
Un qualcosa che sta lì e che non fa male.."

..ma fa male,
spezza le vene delle mani
le mie
Mescola il sangue con le lacrime
se me ne rimane..

"...la fortuna di un amore
Come lo so che può cambiare
Dopo si dice l'ho fatto per fare
Ma era per non morire
Si dice che bello tornare alla vita
Che mi era sembrata finita
Che bello tornare a vedere
E quel che è peggio è che è tutto vero..."

Perché per quelli come me
l'amore può essere solo un breve istante
Quelli come me che
erigono cinta murarie
spesse come la paura
dentro celata
la loro città antica
abbarbicata d'edera e silenzi.

Giravolte di strade vuote
a risuonare il passo
quando sono solo
e contemplo la fortificazione

"...con una rosa hai detto
vienimi a cercare
tutta la sera io resterò da sola
ed io per te..
muoio per te..
con una rosa sono venuto a te..."

Mentre quelle come te
non hanno troppi sguardi
né riguardi
per questa architettura fragile
registrano le crepe quasi a caso
non sanno dei pozzi
all'ombra dei cortili
né dell'eco sotto le arcate
o delle segrete gremite di sogni
e di peccati.

Trovata una breccia occasionale
mi affaccio nella tua piazza principale

"...come la spina che al cuore si avvicina
rossa così è la rosa che porto a te
lacrime di cristallo l'hanno bagnata
lacrime e vino versate nel cammino
goccia su goccia, perdute nella pioggia
goccia su goccia le hanno asciugato il cuor

portami allora portami il più bel fiore
quello che duri più dell'amor per sé
il fiore che da solo non specchia il rovo
perfetto dal dolore
perfetto dal suo cuore
perfetto dal dono che fa di sè ..."

Il sole mi abbaglia
Pochi passi incerti
tra meraviglia e spavento
E rieccomi
nel buio e come i pazzi
grido in silenzio
non mi troverete,
qui non mi potrete
far più del male

"...L'amore è tutto carte da decifrare
e lunghe notti e giorni per imparare
io se avessi una penna ti scriverei
se avessi più fantasia ti disegnerei
su fogli di cristallo da frantumare
e guai se avessi un coltello per tagliare..."

codici da decifrare
7 è il tuo nome
il mio è 8
tutti i numeri erano possibili
in questo incastro magico
in questo gioco impossibile

siamo troppo diversi
le tue parole
cercano forse pietose bugie
per non ferirmi troppo

siamo cosi diversi...
ricordi mentre una lacrima
mi scorreva sul viso
sottovoce cantare insieme

" ... amo senza peccato, amo ma sono triste,
perché Rossana è bella, siamo così diversi;
a parlarle non riesco, le parlerò coi versi..."

"... tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo;
dev'esserci, lo sento, in terra o in cielo un posto
dove non soffriremo e tutto sarà giusto.
Non ridere, ti prego, di queste mie parole,
io sono solo un'ombra e tu, Rossana, il sole;
ma tu, lo so, non ridi, dolcissima signora
ed io non mi nascondo sotto la tua dimora
perché ormai lo sento, non ho sofferto invano,
se mi ami come sono, per sempre tuo Cirano..."

ma i poeti mentono
si sa
parlano alla luna
ma la luna è un sasso
e non risponderà

".. se avessi labbra migliori ti abbatterei
se avessi buona la bocca ti parlerei
se avessi buone le parole ti fermerei
ad un angolo di strada io ti fermerei
ad una croce qualunque t'inchioderei..."

Se potessi
Se l'amore fosse possibile
Se il dolore
Non mi spezzasse il fiato
Ti parlerei
Del mio amore fragile
Di quel filo sottile
Che unisce due persone
Di quel fiore cosi raro
Di quante cure pazienti
Abbia bisogno
Da parte di entrambi

"... E invece come un ladro, come un assassino
vengo di giorno ad accostare il tuo cammino
per rubarti il passo, il passo e la figura,
e amarli di notte, quando il sonno dura..."

ma tu hai già deciso
strappato la mia fotografia
il mio ricordo
un fastidioso volo di mosca
che allontani con un gesto della mano
un equivoco,uno sbaglio

"... Perché l'amore è carte da decifrare
e lunghe notti e giorni da calcolare
e se l'amore è tutto segni da indovinare
perdona se non ho avuto il tempo di imparare
se io non ho avuto il tempo di imparare...

..e sono alberi a spezzare il cielo
sono passi silenziosi
i pugni in tasca
sono i tuoi occhi
che non rivedrò ...

..e sono ombre
che seguirò
sono parole
che non hanno voce
sono le tue mani
che non stringerò...

..e sono alberi a spezzare il cielo
nuvole bianche
nell'azzurro velo
e la tua bocca
che non bacerò..

sono giorni che non riavrò...

...perdona se non ho avuto il tempo di imparare
se io non ho avuto il tempo di imparare...

oggi tutte le canzoni mi fanno male
mi lacerano dentro
dietro ogni parola una lacrima
ogni nota una fitta al cuore

 

* citazioni dalle canzoni

La costruzione di un amore, Carte da decifrare, Cirano, Con una rosa

maurizio