Rosanera
Davide Van de Sfroos

Rosanera - testo

Tequila o kerosene, urmai, fa' mea differenza
e vardi sta chitàra in soel müür de la mia stanza,
l'ho purtada in tutt el muund, l'ho gratàda 'me na crusta
soe la pèll gh'emm tücc i straad cumè i culpi de 'na frusta...
Una dona in Valtelèna che parlava cun't i saant,
la m'ha dii che tücc i lègn se regòrden i so piaant,
che gh'è un lègn per fa' una cruus e un lègn per fa' una porta,
per el lègn de 'na chitàra la sua pianta l'è mai morta.

La m'ha dii che 'sta chitàra l'ha viagiaa sura una barca
e che forsi l'ha sunada anca un certo Garcìa Lorca,
l'è finìda soe in Irlanda da un ciuchee del Connemara,
l'hann sunada anca in Camargue per el de' de Santa Sarah...
Quaand che l'ho incuntrada me, l'era in mann ad un jazzista,
un gitano cui barbiis e un prublèma alla sinistra,
ma una nòcc ghe l'hann rubàda, forsi l'era troppa bèla...
l'ho ritruvada in Algeria cun deent un boecc de rivultèla...

L'ho curàda, l'ho guariida e la sunava püssee alègra,
duve prema gh'era un boecc g'ho faa intarsià una roesa negra,
l'ho sunada in soe la naav quaand che i geent cambiaven tèra,
l'ho dupràda 'me 'na spada per tajacch el coo alla guèra,
Un fioe del Minnesota l'era dree a scapà de ca',
un de' el m'ha dumandaa se la pudèvi prestà,
l'ha faa una canzòn sura un trènu piee de geent
cun deent una risposta che la bùfa ammò in del veent...

Ogni corda la disèva quell che'l teemp purtava via,
ogni mànegh de chitàra in fondo el paar 'na ferrovia,
la distanza la moev quel che 'l coer el spècia la distanza
e semm bonn de cambià nota senza mai cambià la facia.
Ho cantaa canzòn de loena sura i sàss de la Sardègna,
ho sunaa canzòn fantasma dennanz ai cruus de la Bretàgna,
ho sunaa che chi beveva senza mai desmentegà,
ho sunaa per chi ne nava e per chi turnava a ca'...

E hai suonato Rosanera, per far solletico a 'sto mondo,
fuori dai cessi e dalle chiese, per il sacrista e il vagabondo,
abbiam deciso di suonare senza pesare le persone...
solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...
solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...

Rosanera - traduzione

Tequila o kerosene ormai non fa differenza
e guardo sta chitarra sul muro della stanza
l'ho portata in tutto il mondo, l'ho grattata come una crosta
sulla pelle abbiamo tutte le strade come i segni di una frusta
Una donna in Valtellina che parlava con i santi
mi ha detto che tutti i legni si ricordano le loro piante
che c'è un legno per fare una croce ed uno per fare una porta
per il legno di una chitarra la sua pianta non è mai morta.

Mi ha detto che questa chitarra ha viaggiato su una barca
e che forse l'ha suonata anche un certo Garcia Lorca
è finita su in Irlanda da un ubriacone del Connemara
l'hanno suonata anche in Camargue per il giorno di Santa Sara
Quando l'ho incontrata io era in mano ad un jazzista
uno zingaro coi baffi ed un problema alla sinistra
ma una notte l'hanno rubata, forse era troppo bella
l'ho ritrovata in Algeria con un buco di rivoltella.

L'ho curata, l'ho guarita e suonava più allegra
dove prima c'era un buco, gli ho intarsiato una rosa nera
l'ho suonata sulla nave quando la gente cambiava terra
l'ho usata come una spada, per tagliare la testa alla guerra.
Un ragazzo del Minnesota stava scappando di casa,
un giorno mi chiese se gliela potevo prestare
ha fatto una canzone su un treno pieno di gente
con dentro una risposta che soffia ancora nel vento...

Ogni corda diceva quello che il vento portava via,
ogni manico di chitarra in fondo sembra una ferrovia
la distanza muove ciò che il cuore aspetta
e siamo capaci di cambiare nota senza mai cambiare la faccia.
Ho cantato canzoni di luna sui sassi della Sardegna,
ho cantato canzoni fantasma davanti alle croci della Bretagna,
ho suonato per chi beveva senza mai dimenticare
ho suonato per chi se ne andava e per chi tornava a casa.

E hai suonato Rosanera, per far solletico a 'sto mondo,
fuori dai cessi e dalle chiese, per il sacrista e il vagabondo,
abbiam deciso di suonare senza pesare le persone...
solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...
solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...